Giorgio Armani: Celebra 40 Anni di Attività

giorgio-armani

Dalla moda alla casa, dai profumi ai cioccolatini, dagli hotel agli yacht: l’impero di Giorgio Armani da 40 anni a questa parte non ha mai conosciuto debacle.

Da quando “in due locali presi in affitto in corso Veneto, assieme al socio e compagno Sergio Galeotti”, quello che sarebbe diventato il Re indiscusso delle passerelle, studiava come creare “in quel silenzio appartato, un impero mercantile che si sarebbe esteso nel mondo e oltre la moda”, come scrive Natalia Aspesi su La Repubblica.

Vestiti in modo che, quando vedi una tua foto,

non sia in grado di attribuirle una data.

(G.A.)

Oggi, alla soglia degli 81 anni che Armani compirà l’11 luglio, non è tempo di fare bilanci. Perché lo stilista, ma forse sarebbe meglio definirlo un artista a tutto tondo, non ha nessuna intenzione di abdicare, di passare lo scettro.

content_giorgio-armani-working“Armani che ancora oggi si occupa di tutto”, scrive la Aspesi, “anche del colore del packaging e della forma dei cioccolatini e dell’Armanità ideale di altre centinaia di prodotti col suo marchio, non ha avuto alcun momento di crisi e adesso può dichiarare un ricavo consolidato di 2091 miliardi di lire”.

 

Dodici gli stabilimenti di sua proprietà, oltre 6000 dipendenti, 200 negozi sparsi in tutto il mondo: Roma, Milano, Parigi, New York, Pechino, Vladivostok, Mosca. Non c’è capo del mondo che non conosca, e quel che più conta, non riconosca le sue linee. Perché la sua eleganza senza tempo che ha rivoluzionato l’ideale della moda sia maschile che femminile è già di per sé una firma.800px-GINZA_-_GIORGIO_ARMANI.

E allora lunga vita allo schivo e timido Re Giorgio, poco mondano, ma presente con il suo estro in ogni appuntamento che conta. Lunga vita a una della aziende più floride dell’Italia, lunga vita al “ragazzo” in t shirt a girocollo blu scuro, rigorosamente attillata, dai capelli bianchi e i vivissimi occhi azzurri, perché la strada è lunga e tutto il mondo si aspetta ancora molto dal suo genio.

FacebookTwitterGoogle+