Lusso: Ma Che Cos’è ?

VACHERON-CONSTANTIN-DIAMOND-WATCH-SMALL-PATRIMONY-SWISS-LUXURY-2

Ma cosa si intende per lusso?

Il possedere cose costose o la loro esibizione? L’uso di materiali costosi, design e tecnologie che ne migliora le funzioni o l’utilizzo anche di materiali poveri ma dal costo proibitivo a molti? Lusso può essere il poter disporre del proprio tempo a piacere o non avere tempo perché il tempo serve ad accumulare denaro?

moto-dacqua-di-lusso-v8-wet-road-da-strand-craft-pwc_outside_002Essere molto ricchi ma non possedere cose costosissime? Lusso è cenare in un ristorante di classe vicino a casa, dove una semplice bistecca costa dieci volte di più rispetto ad una trattoria o poter fare un “salto” a Parigi e mangiare un hamburger in un bistrot lungo la Senna e rientrare? E’ poter permettersi di bere champagne con un panino al salame in un posto trendy o averne una cantina piena per berlo da soli in compagnia di un libro? Lusso è solo ciò che è raro (ritorniamo al tempo ma anche allo spazio, e New York ne è un esempio) o ciò che è comunque a disposizione di tutti ma solo pochi possono comperare?

Ma allora cos’è il lusso? È ricchezza, eleganza, eccesso, bellezza..?  Alcuni dizionari ne danno definizioni negative, descrivendolo come un’abbondanza inutile, o tutto ciò che costa molto in proporzione all’utilità, uno sfoggio di ricchezza. In effetti, il lusso per definizione non è mai necessario: non serve al sostentamento, e quindi non è fondamentale per la sopravvivenza.

Bentley Mulsanne
Bentley Mulsanne

Si potrebbe dire che il lusso è l’insieme di quelle cose che non sono necessarie, ma la loro funzione è quella di dare dei piaceri: piacere alla vista, piacere al palato, piacere ai sensi, o che procura delle comodità. Se “concedersi un lusso” è fare o comperare una cosa che normalmente non ci si può permettere, “vivere nel lusso” è invece poterlo fare in modo normale e quotidiano.

“Il lusso non è il contrario della povertà, ma della volgarità” affermò Coco Chanel. “E’ un’esigenza che comincia dove finisce la necessità”.

In “Parigi o cara”, Alberto Arbasino disse: Il lusso va benissimo, purché sfrenato!.

FacebookTwitterGoogle+