Manuel Valls: un Primo Ministro Catalano

Francia-Manuel-Valls

Cinquantuno anni, nato a Barcellona da padre catalano e madre svizzera di lingua italiana, Manuel Valls è il  Primo Ministro francese nominato da François Hollande che dal 31 marzo 2014  ha preso il posto di Jean-Marc Ayrault. Ma chi è davvero Manuel Valls, il socialista tanto amato dalla destra?

Sin dal suo ingresso in politica, ancora prima di aver ottenuto la cittadinanza francese nel 1982, Valls è stato un esponente dell’ala destra del Parti Socialiste. Tanto che, dopo la sua proclamazione come capo del governo, ad esultare sono state più le opposizioni che i socialisti, per non parlare delle critiche piovute dalla sinistra francese.

1163693-manuel-valls-french-president-francois-950x0-1Un immigrato contro le immigrazioni.

Immigrato, seppur giovanissimo, in Francia, Valls non sembra avere una grande comprensione per chi, come accadde alla sua famiglia, si trasferisce in Francia da un Paese estero. Già nel 2008, infatti, fece notizia quando si proclamò favorevole all’introduzione delle quote di immigrazione per limitare il numero di immigrati ammessi nel Paese. Successivamente, si rese protagonista di una triste campagna contro i Rom in qualità di Ministro dell’Interno: “La situazione è divenuta intollerabile, bisogna far rispettare la legge smantellando il maggior numero possibile di campi Rom insalubri“, affermò in occasione di un’intervista a Le Figaro, accusando questa minoranza di “essere all’origine dei problemi di coabitazione che assumono delle forme a volte inquietanti“.

Un socialista liberale…

137761777_856314b
Manuel Valss e M.me Anne Gravoin

Valls ha dichiarato in più occasioni che il suo obiettivo politico è quello di “conciliare la sinistra con il pensiero liberale“. La sua linea politica si ispira a quella del governo di Lionel Jospin, che fu Primo Ministro socialista sotto una presidenza di destra, quella di Jacques Chirac, ma anche al modello della socialdemocrazia tedesca. Valls, inoltre, non ha mai nascosto una certa ammirazione per l’ex Presidente Nicolas Sarkozy, tanto da essere più volte soprannominato in Francia il “Sarkozy della sinistra”, e da essersi meritato i complimenti dello stessoSarko.

… con slanci nazionalistici.

epa04905247 French Prime Minister Manuel Valls with his shirt wet with perspiration during his closing address at the Summer University of French Socialist Party in La Rochelle, France 30 August 2015.  EPA/CAROLINE BLUMBERG
Manuel Valls (foto LaPresse) alla chiusura della conferenza del Partito socialista francese a La Rochelle.

Nel 2003, Valls fu uno dei pochi socialisti a schierarsi (ed a votare) nettamente a favore della legge che prevedeva l’introduzione del reato di “oltraggio alla bandiera tricolore ed all’inno nazionale”. Secondo l’attuale Primo Ministro, il Partito Socialista non dovrebbe infatti lasciare il campo della difesa dei valori nazionali alle destre. Una posizione ancora una volta in disaccordo con la sua vita personale, visto che dopo l’acquisizione della cittadinanza francese Valls ha voluto conservare anche quella spagnola.

Un (ex) massone.

Valls è stato a lungo un membro della massoneria, in particolare della loggia “Grande Oriente di Francia” (Grand Orient de France), che promuove i valori laici e repubblicani. Nel 2007, il politico affermò di non essere più un membro attivo della loggia (ammettendo quindi in forma implicita di averne fatto parte almeno in passato). Nel 2011, inoltre, ammise di aver preso parte a delle riunioni del gruppo Bilderberg, criticandolo per includere solo membri provenienti da Paesi occidentali, ed affermando che anche la sinistra dovrebbe dotarsi di organizzazioni simili.

Contro la cannabis.

Nel 2009 Valls si schierò contro la legge proposta dal suo compagno di partito Daniel Vaillant, che aveva come obiettivo la depenalizzazione della cannabis. In particolare, si disse “totalmente in disaccordo“, richiamando un rischio della “fine dei divieti” ed ai “danni considerevoli della droga nei quartieri popolari“.

Il premier infiamma la vigilia del voto: “Stiamo combattebdo contro i terroristi ma l’ultradestra fomenta la paura. Se prevarrà nei ballottaggi, sarà un disastro per giovani e operai. E le imprese se ne andranno dal Paese”

Valls contro Marine Le Pen

Ci sono due visioni per il nostro Paese. Una, quella dell’estrema destra, in fondo, predica la divisione. Questa divisione può condurre alla guerra civile“: lo ha detto, a due giorni dai ballottaggi delle regionali, il primo ministro socialista francese, Manuel Valls, ai microfoni di France Inter. Ha detto di rispettare coloro che votano per il movimento di ultradestra di Marine Le Pen, perché “quando c’è un voto dovuto alla rabbia bisogna ascolarlo“, ma ha definito il movimento “antisemita, razzista, che non ama la repubblica, che non ama la storia del nostro Paese”, e “inganna i francesi e rovinerebbe il Paese”.

“Non permetterò mai che le dichiarazioni di Donald Trump o Marine Le Pen sui musulmani siano paragonate con la nostra proposta di ritirare la nazionalità” francese ai cittadini con doppia nazionalità che hanno aderito all’islam radicale e sono considerati pericolosi, ha poi aggiunto Valls. Tre giorni dopo gli attentati di Parigi, lo scorso 13 novembre, il presidente François Hollande ha annunciato un progetto di legge che prevede anche che la cittadinanza francese sia tolta a coloro che abbiano doppia nazionalità e che siano considerati pericolosi per la loro radicalizzazione religiosa.

FacebookTwitterGoogle+