Robert Dallet: Forte e fragile, i Grandi Felini nell’Arte alla Gam.

Screen-Shot-2015-12-31-at-3.32.06-PM-600x469

Forte e fragile: i grandi felini nell’arte di Robert Dallet, due aggettivi che aprono il titolo di una mostra itinerante che fa tappa alla Gam di Milano dal 23 aprile all’8 maggio (ingresso libero).

Artista e naturalista francese, Dallet ha studiato e disegnato per tutta la vita animali selvatici, soprattutto i felini, sua grande passione. Partito parecchie volte per l’Africa, ha voluto conoscere gli animali nel loro habitat, seguire da vicino i loro istinti e vedere loro modi di cacciare.

HERMES Kenya by Robert Dallet Vintage Jacquard Silk Scarf
HERMES Kenya by Robert Dallet Vintage Jacquard Silk Scarf

Ecco dunque che Hermès omaggia l’illustratore, con il quale ha più volte collaborato lungo l’arco di un ventennio (25 sono i carré da lui realizzati per la maison, il primo, Kenya, è datato 1988, mentre il più iconico, Jungle Life, che raffigura una giungla che circonda felini innamorati, è del 2000) riunendo più di 60 tra quadri, disegni e schizzi su tigri, leoni, leopardi, ghepardi, puma, giaguari, leopardi delle nevi e nebulosi.

Robert Dallet, "Jungle Love," silk scarf, Hermès, Paris, 2000
Robert Dallet, “Jungle Love,” silk scarf, Hermès, Paris, 2000

Una sorta di ringraziamento «a un genio finora poco conosciuto» che Pierre-Alexis-Dumas, direttore artistico di Hermès, ha voluto raccontare attraverso la retrospettiva, un libro e un carré di beneficienza a supporto della fondazione Panthera, con anche l’obiettivo di «sensibilizzare il pubblico sulla precaria esistenza dei felini selvatici e dei loro habitat a livello globale».

FacebookTwitterGoogle+