David LaChappelle: Scene ai Limiti del Surrealismo.

2015_PDE_LACHAPELLE_08

Nato a Fairfield, nel Connecticut nel 1963,  Wikipedia lo descrive come fotografo nel campo della moda e della pubblicità, molti lo considerano un outsider nel mondo dell’arte.2015_PDE_LACHAPELLE_ritratto

Lui, più semplicemente, in un’intervista motiva la sua scelta spiegando che la moda e la pubblicità, ai suoi esordi erano gli unici settori che gli avrebbero permesso di vivere coltivando la sua grande passione: la fotografia.David-Lachapelle-Brittany-MurphyGrande estimatore di Andy Warhol, La Chapelle frequenta la “North Carolina School of the Arts” e la “School of the Arts” di New York. Sarà proprio il grande Warhol ad offrire al giovane LaChapelle il suo primo incarico professionale fotografico per la rivista “Interview magazine”.Alan Cumming

LaChapelle ha prodotto centinaia di opere ricche di pathos, talora ai limiti dello shock emozionale, che nascono dalla precisa volontà di creare pezzi da esporre in musei e gallerie. Questo risulta evidente scoprendo le serie Car Crash, Negative Currencies, Hearth Laughs in Flowers, Gas Stations, Land Scape, fino alla più recente Aristocracy.David La Chapelle, Michael Jackson (portrait)

Nel decennio 1995 -2005 ha eseguito ritratti di celebrità della musica, della moda e del cinema, alternate a scene ai limiti del surrealismo che ripropongono temi religiosi, citazioni di grandi opere della storia dell’arte e del cinema. Lavori all’interno dei quali risultano chiaramente riconoscibili alcuni dei caratteri più rappresentativi della sua cifra stilistica, quali la saturazione cromatica e il movimento.080618_01_WouldBeMartyrAnd72Virgins11x14-1940x770

Nel 2006 durante un suo soggiorno a Roma, rimase impressionato dalla bellezza della Cappella Sistina e dei suoi affreschi al punto da imprimere una decisa svolta alla propria sensibilità artistica.

FacebookTwitterGoogle+