Emilio Pucci: Un’Incredibile Vita tra Aerei e Colori.

582_pucci-layered

I colori “basta saperli combinare con armonia” sosteneva Emilio Pucci e così nascevano gli straordinari accostamenti che hanno fatto la storia della Maison Pucci.gisele-2

Nato nel 1914 da una nobile famiglia fiorentina, il Marchese Emilio era un patito dello sci e venne selezionato dalla squadra nazionale olimpica italiana di sci, per partecipare alle Olimpiadi invernali del 1936. Vinse una borsa di studio per allenarsi nello sci al Reed College nell’Oregon dove inizio a realizzare i suoi primi abiti, da appassionato di pittura com’era, disegnando l’uniforme della squadra di sci della scuola. Rientrato in Italia compì il giro del mondo imbarcandosi su una vecchia nave, eludendo il servizio di leva.

Il tenente Emilio Pucci
Il tenente Emilio Pucci

Si appassionò poi al mondo dell’aviazione arruolandosi nella Regia Aeronautica nel 1938 diventando pilota ed ufficiale, e durante la guerra partecipò ad innumerevoli missioni, bombardamenti ed incursioni. Nel 1944 arrestato da agenti della Gestapo, venne portato a Milano, nel carcere di San Vittore, e per mesi fu sottoposto, a interrogatori e torture per costringerlo a rivelare dove fossero i diari del Conte Ciano che l’amica Edda gli aveva consegnato.

Uscito dal carcere, riuscì fortunosamente a raggiungere la Svizzera, dove venne ricoverato in un ospedale a Lugano. Da li si trasferì a Zermatt, e per guadagnarsi da vivere, si mise a fare il maestro di sci.

004-emilio-pucci-theredlist

Nel 1947, durante una vacanza a Zermatt, una sua cara amica fu notata da Toni Frissel, fotografa di Harper’s Bazaaz, con un’elegante tuta da sci ideata proprio dal Marchese Pucci.

Pubblicata la foto sul magazine illustrato nell’ambito di un articolo sulla moda invernale in Europa, fu un successo immediato e questo lo incoraggiò a creare e vendere abiti da donna, aprendo la sua prima boutique a Capri nel 1950.

Emilio Pucci 1961
Emilio Pucci 1961

Persino la sofisticata Gabrielle Chanel apprezzò il suo lavoro e nel 1949 dei grandi magazzini americani gli commissionarono moltissime ordinazioni.

Emilio-Pucci 1955 , Shirt from the 'Siciliana' collection worn by Grace Kelly
Emilio-Pucci 1955 , Shirt from the ‘Siciliana’ collection worn by Grace Kelly

Divenne così un pioniere della moda italiana, partecipando per alla prima sfilata di moda tenutasi in Italia del 1951 presso Villa Torrigiani. Tra i suoi primi successi vanno ricordati la linea di vestiti di seta stampata senza pieghe. “The Prince of Prints”, il Principe delle stampe, così viene riconosciuto per circa trent’ anni dalla stampa del mondo anglosassone.

Nel corso della sua vita si dedicò a creazioni nei settori più disparati. Disegnò lo stemma per la tuta degli astronauti della NASA per la missione dell’Apollo, le divise per le hostess, i piloti e il personale della compagnia Braniff International Airways tra il 1965 and 1977, colorate e assolutamente innovative rispetto al panorama di allora. In Italia disegnò le famosissime divise dei Vigili urbani, con i lunghi guanti bianchi e gli elmetti ovali sulla divisa blu, allargandosi anche alla moda maschile, ai profumi, alla produzione di ceramica per la casa.

Entrato nel mondo della politica, venne eletto deputato, ricoprendo anche la carica di Sottosegretario al Ministero dei Trasporti.

Si spense a Firenze il 29 novembre 1992, seguito poco dopo dal figlio Alessandro, 11º Marchese di Barsento, morto in un incidente stradale nel 1998.

6bcb464c6c952220ca2f7339b251a8c9

Dopo la sua scomparsa, il design passò alla figlia Laudomia Pucci. E nel 2000 il gruppo francese LVMH (Louis Vuitton), acquistò i diritti sul logo Emilio Pucci e sulle creazioni storiche rilanciando la griffe nel mercato internazionale.

Tra gli stilisti che hanno lavorato alla Pucci troviamo Stephan Janson, Julio Espada e Christian Lacroix, mentre nel 2006 a Lacroix è subentrato il designer inglese Matthew Williamson.

Massimo Giorgetti
Massimo Giorgetti

E’ Massimo Giorgetti, il designer 38 enne di Longiano, che ora ha la direzione creativa della Emilio Pucci, dopo il recente addio di Peter Dundas. Giorgetti, fortemente voluto da Laudomia Pucci, rimane comunque direttore creativo del suo brand MSGM, che, dal 2009 affascina e ammalia con colori incendiari e stampe floreali.

Il debutto del nuovo direttore creativo è avvenuto lo scorso settembre durante la Fashion Week donna di Milano, dove è stata presentata la collezione Spring Summer 2016.emilio-pucci-sfilata

La Maison, oggi conta circa 50 boutique in località esclusive nel mondo e il cui fatturato viene realizzato al 60% tra Italia, Stati Uniti e Giappone.

00_EMILIO-PUCCI-SS14_01_640-480_resize

Spring/Summer 2016
Spring/Summer 2016

FacebookTwitterGoogle+