vestiti da viaggio

Come vestirsi in viaggio

Vestire in modo adeguato in occasione di un viaggio non è mai facile. Che sia stato organizzato da tempo o che sia un’improvvisata dell’ultimo minuto, ogni volta ci troviamo ad aprire l’armadio non avendo la più pallida idea di cosa introdurre nella valigia.

Così veniamo presi dall’ansia dei preparativi e decidiamo di continuare a rimandare il momento finché si può. Affrontare la situazione senza farsi prendere dal panico è possibile; basta avere le idee chiare su alcuni piccoli elementi che renderanno la scelta degli abiti molto più semplice, sicura e senza margini di errore.

Outfit adatti ad ogni clima

La prima cosa da fare prima di affrontare un viaggio è informarsi sul clima al quale andremo incontro in quel determinato luogo e in quella data stagione dell’anno. Capita a volte però di trovarsi di fronte a variazioni del tempo inaspettate, le quali ci mettono a dura prova e molto spesso non ci consentono di godere della vacanza come avremmo voluto. Fare una passeggiata quando il vento soffia all’impazzata mentre si è vestiti leggeri e poco protetti non è mai il massimo e ci si trova a rimanere al chiuso non godendo del paesaggio.

Esiste uno stratagemma per ovviare a questo problema e per evitare di sbagliare. Potrebbe sembrare scontato ma spesso e volentieri molti non prestano attenzione a questo dettaglio importantissimo. Vestirsi a strati è sempre la cosa migliore da fare; tanti livelli sovrapposti ci permetteranno di aumentare il grado di calore in caso di freddo e di intemperie o di diminuirlo in presenza di innalzamento delle temperature, senza per questo trovarsi a soffrire il caldo. Evitiamo quindi di mettere nella valigia solo capi troppo leggeri o esclusivamente pesanti.

Al contrario, è indicato inserire una varia gamma di abiti, a partire dai più sottili fino a finire gradualmente ai più coprenti. Un paio di cardigan non dovrebbero mai mancare, perchè risultano facilmente sovrapponibili ad altri vestiti e sicuramente anche poco ingombranti, sostituendo alla grande maglioni, felpe e vestaglie. Si potrebbe creare una selezione di indumenti a partire dalla semplice maglietta intima a mezze maniche, la quale può essere utilizzata anche da sola in caso di temperature più alte, per poi passare al dolcevita creando un ulteriore strato, ed andare a coprire il tutto con un bel cardigan e un cappotto imbottito.

Per quanto riguarda invece la parte inferiore del corpo, si può decidere di portare con sé un paio di calze lunghe da abbinare con una gonna o da utilizzare eventualmente al di sotto dei pantaloni. È bene ricordare di prediligerne di larghi o elasticizzati, che consentano di indossare altri strati sottostanti senza avvertire il fastidio della costrizione.

Come limitare la quantità degli abiti in valigia

Spesso e volentieri ci troviamo davanti ad una quantità di abiti a cui non sappiamo come rinunciare. Inutile dire che rappresenta un problema, soprattutto se nell’auto non si ha a disposizione un bagagliaio capiente oppure se si necessita di viaggiare in aereo e dunque non bisogna superare un determinato limite di peso.

Come fare allora a non esagerare? Semplice! Considerando che i vestiti più pesanti e che di conseguenza ingombrano di più, di solito sono anche quelli che vanno meno a contatto con la pelle e con la sudorazione, sarà meno indispensabile averne tanti. Un maglione ad esempio, potrà essere sfruttato per due giorni di seguito piuttosto che uno solo e se il soggiorno non durerà troppo a lungo, si potrà decidere di indossare un unico cappotto. Ricapitolando, ad eccezione degli indumenti intimi che necessitano di ricambio continuo, gli altri possono essere limitati ad una minore quantità.

Combinare capi e colori

Viaggiare comodamente vuol dire diminuire l’ingombro scegliendo abiti facilmente abbinabili tra loro. Sebbene sia indispensabile ridurre il vestiario al minimo, non è detto che sia necessario rinunciare ad essere fashion. Si sa, il primo passo per stare bene è sentirsi belli e in armonia con noi stessi e con ciò che ci circonda e questo darà una carica in più anche alle nostre vacanze.

Come pensare allora di ridurre al minimo gli indumenti senza rinunciare alla moda? Non è poi così complicato. Basta utilizzare fantasie semplici e colori facilmente combinabili, come ad esempio il beige e il marrone. Ovviamente i gusti sono individuali e questo è solo un semplice consiglio di stile al quale fare riferimento. Ognuno potrà scegliere i colori che preferisce e che vede più adatti alla propria immagine, alla stagione e all’ambiente.

È comunque importante evitare di introdurre troppi colori per non rischiare di avere quei pochi capi spaiati che non riescono a combinarsi con la parte restante. È inoltre preferibile prediligerne di più scuri per evitare che compaiano facilmente sporco e macchie.

Quali tessuti prediligere

Vestirsi facilmente e comodamente non vuol dire dover apparire sciatti. Per questo motivo bisogna sempre fare attenzione a non scegliere indumenti che abbiano tessuti che sgualciscono in valigia. Bisogna prediligere quelli morbidi ed elasticizzati. Le pieghe imbruttiscono anche l’abito migliore!

Scegliere le scarpe

Le calzature sono quello che rende un outfit più o meno accattivante. Non vogliamo però rinunciare al comfort di cui necessitiamo durante una passeggiata, né all’eleganza di cui abbiamo bisogno per una serata tra locali e divertimento. Il giusto compromesso è sempre quello di portare con sé un paio di comode scarpe da passeggio per un look casual o sportivo, e un paio più eleganti per eventi speciali. Per evitare di occupare troppo spazio in valigia si può partire indossandone uno, ovviamente quello più comodo per recarsi da un mezzo all’altro o per piccole soste come ad esempio quelle in autogrill.

Scegliere come vestire per il viaggio non è poi così difficile se si presta attenzione a questi semplici accorgimenti. Una volta superato l’ostacolo iniziale che sta nel capire come procedere adeguatamente, aprire le ante dell’armadio per preparare la valigia non sarà più così traumatico. Prepareremo il bagaglio in un battibaleno e sicuramente in meno tempo di quanto potevamo aspettarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *