Può sembrare strano pensare a un “look da università” e invece esiste, eccome. Perché l’università è un ambiente più libero della scuola, meno controllato, ma è anche l’anticamera del mondo del lavoro e richiede un certo stile e molta decenza. Insomma, non è per niente facile come sembra trovare l’outfit adatto a una giornata universitaria. Sicuramente jeans e maglietta è il classico intramontabile, ma … perché non osare di più? O non provare anche a essere eleganti o super “professionals”? Vediamo come.

Andare all’università con abiti comodi

La comodità, come detto, è lo standard intramontabile per vivere al meglio l’università! Jeans e maglietta never dies!  Ma detto così è troppo riduttivo. Jeans va bene, ma sopra la maglietta si può sostituire con molte altre idee interessanti e comode. Camicie ampie, per esempio, magari con canotta o magliettina sotto se fa fresco.

O ancora capi di maglina oppure, in inverno, maglioni lunghi e caldi da alternare magari con le felpe. Se volete sostituire i jeans, via libera ai leggins! In alternativa, vanno bene anche le tute, purché siano molto carine e non troppo larghe. Tutto questo si abbina a scarpe da ginnastica o a scarpe di tela. Vanno bene anche gli stivaletti ma senza troppo tacco e nemmeno troppo alti.

Abiti comodi ma professionali per l’università

Non volete apparire troppo ragazzine, dato che ormai siete universitarie con una dignità? Va benissimo, il comodo e il professionale si possono coniugare, in questo ambiente. Anche perché qualche regola, finché si hanno vent’anni, si può trasgredire! E allora camicia discreta con giacchetta, sopra, e sotto si completa con gonne ampie – possibilmente al ginocchio – morbide, oppure con pantaloni che non siano jeans.

E ai piedi scarpe comode, anche da tennis se non sono troppo appariscenti! In alternativa, stivali – vanno bene pure lunghi – con tacco alto ma comodo (mai a spillo se volete arrivare vive a fine giornata!). Se la stagione lo consente, sono ammessi anche gli abitini lunghi fino a metà polpaccio, o le gonne corte, con giacca e stivaletti.

Qualche stravaganza è ammessa

Qualche stravaganza è ammessa, come si vede, all’università. E allora, oltre al look sportivo-casual e a quello professionale, sbizzarritevi con accostamenti particolari. Ad esempio con completi “da uomo”, intesi come camicie e pantaloni di taglio maschile, abbelliti però da giacchette femminili e da stivaletti eleganti. Oppure, se non fa troppo freddo, si può andare all’università mescolando casual ed elegante: maglioncino su pantaloni ampi che terminano in scarpe con tacco (basso!) o stivaletti.

Adesso che va di nuovo di moda la pelle si può anche osare un completo pantaloni in pelle, giubbotto di pelle e magliettina a collo alto da associare a stivali alti con tacco un po’ più alto del normale. Fermo restando che se siete abituate e vi sentite a vostro agio in elegante, potete anche andare all’università con abiti importanti e tacchi a spillo, per farvi notare anche mentre correte senza fiato da un’aula all’altra. E non importa se le scarpe faranno un po’ male… !