venezia

Cosa vedere a Venezia in 1 giorno?

Se non sei mai stato a Venezia, non hai ancora idea di quale grande emozione tu ti stia privando.

Venezia è una città famosa in tutto il mondo e invasa da turisti 365 giorni all’anno. La sua bellezza conquista ogni anno milioni di visitatori, lasciando negli occhi di chi la osserva un ricordo vivido e indelebile.

Questo è il motivo per cui chiunque di noi, in qualità di italiani, ha a mio avviso l’obbligo morale di visitare la città lagunare e gustarne appieno il fascino.

Per poter visitare Venezia in maniera un poco sufficiente sono necessari almeno 3 giorni, ma se per qualche sciagurato motivo dovessi averne a disposizione solo uno, allora dovrai prendere delle decisioni su cosa vedere e cosa invece tralasciare magari ad un’altra occasione.

In questa guida ti parleremo di tutte le attrazioni che proprio non puoi evitare di vedere a Venezia se avrai a disposizione una singola giornata.

La piazza e la Basilica di San Marco

Il luogo simbolo della città lagunare è proprio la sua imponente piazza San Marco, che con le sue immense dimensioni è capace di stordire lo sguardo del turista che vi si inoltra.

Sulla piazza svetta la famosissima Basilica di San Marco, un vero capolavoro architettonico, che ti consiglio di trovare il tempo di visitare anche al suo interno: ne varrà la pena.

Passeggia tranquillo sulla piazza e goditi il paesaggio che ti si prospetta davanti. Fai però attenzione: in questo luogo anche solo un caffè nei baretti sulla piazza può costarti molto caro!

Il Palazzo Ducale

Il Palazzo Ducale, conosciuto anche come Palazzo Dogale, poiché qui risiedeva il Doge, è un altro luogo simbolo della città.

Sorge nel Sestiere San Marco, non lontano dall’omonima piazza, ed è un vero capolavoro di stile gotico veneziano.

Dal palazzo traspirano influenze dello stile bizantino e orientale, che testimoniano quanto intensi fossero i rapporti tra la Serenissima e i paesi dell’Est del mondo.

La sua bellezza è unica e imponente: merita certamente una visita!

Il Canal Grande

Il più grande canale che attraversa il centro storico di Venezia prende appunto il nome di Canal Grande.

E’ lungo ben 3800 metri e nel suo percorso all’interno della città va a formare una S al rovescio.

La bellezza di questo canale è sicuramente data dagli splendidi edifici che ne decorano il percorso. Uno dietro l’altro si susseguono infatti antiche dimore risalenti per la maggior parte tra il secolo XII e quello XVIII, che testimoniano la ricchezza artistica e architettonica di questa splendida città lagunare.

Il Ponte di Rialto

Un altro luogo che ha reso Venezia famosa in tutto il mondo è il suo ponte di Rialto, uno dei 4 ponti che attraversano il Canal Grande, insieme al Ponte dell’Accademia, al ponte degli Scalzi e quello della Costituzione.

Il Ponte di Rialto è di sicuro il più conosciuto e anche quello più affascinante con la sua struttura a portico e il suo colore bianco.

Nessun turista che si trovi in città può evitare di salirci sopra per scattare qualche foto.

Il Ponte dei Sospiri

Il Ponte dei Sospiri è sicuramente il secondo ponte più famoso della città di Venezia.Fu realizzato agli inizi del XVII secolo ed è realizzato in uno splendido stile barocco.

Sorge a poca distanza da piazza San Marco e collega due famosi edifici: il Rio Di Palazzo e le Prigioni Nuove.

Era sfruttato come passaggio dei prigionieri al palazzo adiacente per poter essere giudicati.

E’ questo il motivo per cui il ponte assunse questo nome, poiché si presumeva che i detenuti, attraversandolo, sospirassero nell’ultimo loro contatto con il mondo esterno.

E se decisessi di fermarmi più a lungo?

Il rischio in cui tanti turisti incorrono nell’unica giornata a disposizione per la visita alla città lagunare è che la sua bellezza li streghi a tal punto da decidere di fermarsi in città ancora qualche giorno.

Se anche tu fossi preso dalla voglia di allungare la tua permanenza in città, puoi consultare questa guida su dove alloggiare a Venezia, in modo da riuscire a trovare la migliore soluzione per trascorrere una notte in città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *