addominali

I migliori esercizi per degli addominali di ferro

Allenare il proprio fisico è sicuramente una delle principali attività che si fanno negli ultimi anni, anche quando si è impossibilitati ad andare in palestra, dunque, lo si fa nella propria abitazione. Quali sono però i migliori esercizi per ottenere degli addominali di ferro? Nel nostro articolo andremo a vedere quali sono quelli che ci permettono di ottenere un risultato eccellente.

Il plank

La prima cosa che possiamo dire sul plank è che si tratta nello specifico di un allenamento che viene definito come esercizio di tenuta. Infatti, la sua caratteristica essenziale è quella di assumere posizioni specifiche che permettono di sforzare determinati tipi di muscoli, e più si rimane in posizione, più gli addominali trarranno beneficio dall’allenamento. La cosa molto interessante è che, seppure si tratta di un tipo di esercizio perfetto per i propri addominali, in realtà interessa anche altre zone muscolari. Grazie al plank si traggono benefici ai glutei, ai bicipiti femorali, ai muscoli del polpaccio e a quelli lombari.

Crunch con corda

Quando si pratica questo tipo di esercizio è si ha la possibilità di andare ad allenare in maniera graduale la propria muscolatura, applicando di fatto carichi a peso crescente. In questo modo, nel tempo si andranno a vedere progressi precisi e ottimali, contando sul fatto che saranno costanti e ponderati. Grazie al crunch con corda si potrà aumentare progressivamente quella che è alla fine la forza del retto addominale. Spesso chi si avvicina a questo tipo di esercizio commette un errore, ovvero trasformare questo tipo di allenamento per andare a rinforzare gli addominali, ma non solo non sarà così, ma si rischia anche di affaticare inutilmente il nostro corpo.

Leg Raises

Termine inglese che sta ad indicare il sollevamento delle gambe alle parallele, esercizio che in alternativa si può anche svolgere alla sbarra. Si può dire senza ombra di dubbio di essere di fronte al migliore esercizio in assoluto per andare a lavorare sulla muscolatura addominale, in quanto risulta essere quello decisamente più completo. Il funzionamento è molto semplice, si vanno a sollevare le gambe mantenendo in maniera costante e precisa la contrazione di picco, grazie alla quale si va ad esercitare una sollecitazione molto forte su tutto il retto addominale. È bene precisare che, se l’allenamento si svolge in modo corretto, non sarà necessario aggiungere peso ulteriore. Per un allenamento completo e perfetto si dovranno eseguire 15 ripetizioni, così da sviluppare forza nella zona mediana del corpo.

Knee Raises

In questo caso si tratta di andare a sollevare le ginocchia avvalendosi come supporto delle parallele. In alternativa, come nel caso precedente, si può eseguire l’esercizio alla sbarra. Se si paragona questo tipo di esercizio a quello del leg raies che abbiamo visto in precedenza, possiamo senza ombra di dubbio affermare che sia molto più semplice. La motivazione è abbastanza semplice quanto ovvia, alla fine si va ad usare meno leva, e questo si traduce in un esercizio meno duro. Possiamo inoltre considerare di utilizzare questo esercizio come base di allenamento, per poi spostarsi gradualmente verso il leg raies, che come abbiamo detto è l’esercizio migliore per gli addominali. Quindi, si tratta di un traguardo da raggiungere con il tempo.

Crunch inverso

Il crunch inverso è quello che si definisce come il più classico tra gli esercizi conosciuti per allenare gli addominali. Una cosa essenziale da tenere presente è che non si deve commettere lo sbaglio di andare a sfruttare l’inerzia del movimento. Non solo, si deve evitare anche di andare a fare molleggio contro il pavimento durante l’esecuzione. Si tratta comunque di un ottimo allenamento per gli addominali, purché ovviamente eseguito in maniera corretta, ma questo ovviamente vale per tutti gli esercizi.

Conclusioni

Per concludere, possiamo dire che siamo di fronte a cinque tra i principali esercizi dedicati all’allenamento degli addominali. Abbiamo visto che è importante arrivare a fare quello chiamato leg raises, ma nulla ci vieta di poterli eseguire tutti in modo alternato. È chiaro che una delle discriminanti è anche la propria attitudine, ovvero ci sono esercizi con i quali ci possiamo trovare meglio rispetto ad altri. Per qualsiasi informazione riguardo alle specifiche di esecuzione, basterà attivarsi osservando i molti tutorial presenti sul web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *