Sostituti naturali dell’ammorbidente

Quanti prodotti utilizzate per lavare il vostro bucato? Nella maggior parte dei casi si tratta di prodotti chimici che sono dannosi tanto per le fibre del vostro bucato quanto per la pelle e per l’ambiente.

Tra i tanti prodotti quello a cui presteremo oggi particolare attenzione è l’ammorbidente, ciò che ci dovrebbe permettere di avere un bucato soffice e profumato, ma che usato in dosi massicce può creare fastidi alla pelle ma anche alla stessa lavatrice, in quanto accumulandosene piccole quantità nella vaschetta e nel tubo di scarico potrebbe creare problemi di occlusione.

Tutto questo senza considerare che alcune persone possono essere allergiche a questo tipo di prodotto e dover per forza di cose fare a meno dell’ammorbidente e trovare soluzioni alternative.

Allora vediamo in che modo è possibile sostituire l’ammorbidente con prodotti naturali e perchè questa scelta ecosostenibile potrebbe giovare alla vostra lavatrice.

Bicarbonato di sodio

La prima causa dell’irrigidimento delle fibre durante il lavaggio è la presenza del calcare nell’acqua, ecco perchè il bicarbonato può essere un perfetto sostituto per l’ammorbidente.

Si tratta di un potente anti-calcare naturale che con la sua azione addolcisce l’acqua contrastando il calcare in essa naturalmente contenuto.

Per utilizzare il bicarbonato al posto dell’ammorbidente è sufficiente scioglierne 3 cucchiai in un bicchiere pieno fino all’orlo di acqua, mescolare e metterlo nella lavatrice.

Lo stesso vale per l’aceto che possiede le stesse caratteristiche di anti-calcare che sono state attribuite al bicarbonato e con il quale sarà sufficiente aggiungerne mezzo bicchiere al lavaggio per avere vestiti morbidi.

È importante però che l’aceto non entri in contatto diretto con i vestiti, per questo è importante che per il lavaggio venga messo nella vaschetta in cui avreste aggiunto l’ammorbidente.

Inoltre l’aceto agisce sull’elettricità statica che si accumula sulle fibre, rinnova i colori e riesce ad impedire il formarsi degli antiestetici pelucchi che spesso rovinano l’aspetto dei maglioni in lana.

Palline da tennis

Così come fa l’aceto, le palline da tennis inserite nell’oblò insieme ai vestiti contrastano l’elettricità statiche che si accumula infeltrendo i vestiti.

È questo un metodo che può avere delle controindicazioni nel caso in cui il soggetto che lo utilizza sia allergico alla gomma di cui sono fatte le palline e in particolar modo a una forma di inquinamento detta off-gassing provocata dal calore generato dalle palline che strusciano tra loro durante il lavaggio.

In questi particolari casi è possibile sostituire le palline da tennis con un foglio di semplice carta alluminio accartocciato.

Balsamo per capelli

Può sembrare strano ma è possibile utilizzare lo stesso prodotto che applicate ai vostri capelli per sostituire l’ammorbidente.

Il balsamo per capelli è un ottimo sostituto e può essere utile per creare un composto fatto da 250 ml di aceto di mele, 70 ml di balsamo, va bene qualsiasi tipo, 50 ml di acqua, mischiare energicamente finché i tre ingredienti non risultino ben amalgamati e l’ammorbidente alternativo pronto per l’utilizzo.

Ammorbidenti naturali

Se il fai da te non vi convince ma non volete rinunciare a formule eco nel rispetto dell’ambiente che vi circonda, ci sono alcuni ammorbidenti naturali ed ecologici, che è possibile acquistare nel negozi che vendono prodotti per la casa, supermercati specializzati nel biologico e nelle botteghe che vendono detersivi e saponi sfusi, pratica che ormai si è andata molti diffondendo in tutte le città.

Se siete alla ricerca di un prodotto che sostituisca l’ammorbidente forse vi siete resi conto che può danneggiare la lavatrice o addirittura vi trovate nella situazione di comprarne una nuova, in questo caso potrete prendere spunto collegandovi al sito www.migliorlavatrice.it.

Ricordate dunque che bicarbonato, aceto e palline da tennis sono perfetti come ammorbidente perchè oltre ad addolcire l’acqua riescono a contrastare l’elettricità statica che si accumula sui tessuti causandone l’infeltrimento la necessità di utilizzo dell’ammorbidente.

Ricordiamo inoltre che i rimedi di tipo naturale sono ciò che segnerà in modo sempre maggiore la vita di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *